Ripartono gli investimenti diretti esteri, ma i livelli restano la metà di quelli pre crisi. Lo dicono i dati Unctad (Onu) secondo cui rispetto al tonfo del 2012, quando in Italia non era arrivato neanche 1 miliardo di dollari, gli afflussi di capitali esteri nel 2013 hanno sfiorato i 17 miliardi. Meglio anche i deflussi, passati dagli 8 miliardi del 2012 ai 32 del 2013. L’entusiasmo cala, però, se le cifre si confrontano con quelle del periodo pre crisi: nel 2005-2007 gli afflussi superavano i 36 miliardi, più del doppio del 2013.

I flussi di investimenti diretti esteri (Ide) sono però aumentati anche a livello globale: la crescita, secondo il rapporto Unctad, è stata del 9% e nel 2013 ha toccato 1450 miliardi di dollari. Gli afflussi sono aumentati in tutti i principali gruppi economici: economie sviluppate, in via di sviluppo e in transizione. Anche lo stock globale degli Ide è aumentato del 9 per cento. Le proiezioni Unctad suggeriscono che la quota di flussi globali diretta ai Paesi sviluppati potrebbe raggiungere nel 2016 il 52%, dopo il crollo a meno del 40% negli ultimi anni.

Suddivisi per regione, gli afflussi verso l’Europa nel 2013 sono stati di 251 miliardi di dollari (in crescita del 3% rispetto al 2012). Tra le principali economie, gli afflussi verso la Germania sono rimbalzati bruscamente verso l’alto, mentre Francia e Regno Unito hanno visto un rapido declino. Gli afflussi verso Italia e Spagna – continua l’Unctad – hanno segnato una forte risalita, quest’ultima è risultata il più grande Paese beneficiario europeo nel 2013. I deflussi dall’Europa sono aumentati del 10% arrivando fino a 328 miliardi di dollari. Secondo il rapporto, la Svizzera è diventata il più grande Paese investitore diretto d’Europa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sea, chiesto il processo per Vito Gamberale per turbativa d’asta

next
Articolo Successivo

Usa, il Pil cala e la Fed taglia gli aiuti. Investimenti e consumi a rischio crollo

next