Quello che è capitato a Tommaso Cerno – giornalista che stimo per la sua lucidità e che, anche se lui non lo ricorderà, ho conosciuto personalmente ad una trasmissione della Rai in cui si parlava di omofobia – è una delle tante pagine della storia dell’odio contro le persone Lgbt. Ed è giusto non solo denunciare, come lui giustamente ha fatto, ma anche creare di conseguenza quella rete di solidarietà funzionale a far capire che se sei famoso è scandaloso attaccare un gay, ma se non sei nessuno è abbastanza comune che ti si dia del frocio. Per cui, bravo Cerno, e siamo tutti con te.

C’è però una parentesi, in questa storia, che assume i connotati del paradosso. Scorrendo la mia tweetlist trovo l’ennesimo piagnisteo dell’organizzazione omofoba “Voglio la mamma”, in cui attraverso i soliti tristi mezzucci degni di personalità politiche abbastanza esili, si strumentalizza il caso in questione per far parlare di sé: Adinolfi, già presunta vittima di indicibili censure su Facebook, sarebbe pure bersaglio di insulti di vario tipo per le sue “idee” e nessuno a difenderlo. E chissà come mai. 

 

Forse perché ha scritto recentemente che andrà in guerra contro le civil partnership, o perché nel suo libro cita testi in cui si patologizza l’omosessualità o ancora perché ha più volte esternato contro il principio di uguaglianza giuridica tra gay community e maggioranza eterosessuale? E per chi non lo sapesse, nonostante queste posizioni, Adinolfi non è affiliato a Forza Nuova o Fratelli d’Italia e non milita nel Nuovo Centrodestra di Alfano. È stato parlamentare del Pd, invece. Poi passato a Scelta Civica e di fede renziana. Ma questi sono appunto dettagli. Ritornando al paradosso di cui sopra, a rispondere all’urlo di dolore di cui nessuno evidentemente si era accorto, arriva proprio Cerno, che scrive: «Io sono solidale e amico di Mario e difenderò sempre la libertà di opinione». 

 

Adesso, personalmente avrei serie difficoltà ad essere amico di chi fa una battaglia ideologica per trasformarmi in un cittadino di serie B, ma questo è sicuramente un mio limite. Mi si dovrebbe spiegare, tuttavia, cosa c’entra la libertà di opinione con l’omofobia di certi individui. E su questo vorrei spiegarmi ancora meglio: nessuno può impedire a certa gente di pronunciare frasi che vanno da “il matrimonio è solo quello tra uomo e donna” a “i froci mi fanno schifo” e via discorrendo. Quindi la libertà di esprimere questi concetti è garantita e nessuno la mette in discussione. Il problema è che non sono opinioni, ma più semplicemente incitazioni all’odio e rinforzi dello stigma sociale: se immaginiamo la frase “il matrimonio è solo quello tra un cattolico e una cattolica” capiremo da soli l’enormità dell’enunciato. E se Cerno deve essere, giustamente, il destinatario di una solidarietà collettiva contro un insulto odioso, ha anche la responsabilità di dire all'”amichetto” Adinolfi che sì, la vicinanza umana è qualcosa che fa sempre bene, ma come la mettiamo con tutto il resto? Con l’avallo delle terapie riparative, i proclami di guerra, il dileggio o le frasi odiose contro l’omogenitorialità?

Perché, caro Tommaso, e spero mi perdonerà il tono confidenziale, se alla fine arriva un cretino a invitarla a cena con una tavola imbandita di cappi è perché all’origine di questi estremi c’è chi fa discorsi come quelli portati avanti da gente che lei reputa amica. E alla quale riconosce non tanto la facoltà di poter proferire qualsivoglia boiata – per quello c’è appunto la Costituzione – quanto lo status culturale di essere portatori di “pensiero”. E che pensiero è mai quell’insieme di pregiudizi che induce, in estrema sintesi, a scrivere frasi come “finocchio di merda”? Perché poi, a un certo punto, bisognerà pure decidere: se tutto questo è libera espressione, qualcun altro troverà tollerabile anche tutto il resto. Per una logica consequenziale. E se istituzionalizziamo come ingrediente filosofico le idee di chi ci vuole inferiori per (assenza di) legge, alla fine certi sforzi per creare rete sociale e combattere “insulti odiosi” verranno vanificati da un deficit di credibilità. E questo è un rischio che, a parer mio, andrebbe evitato ad ogni costo. Anche quello di dispiacere a un amico. Ammesso che sia veramente tale chi opera alacremente affinché si possa continuare a dare impunemente del frocio a chiunque, famoso o meno che sia.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Sudan, torna in libertà ‘Meriam l’apostata’

next
Articolo Successivo

Disabili: prove tecniche di classi differenziali

next