Anche se il figlio confessasse l’omicidio di Yara Gambirasio non gli crederebbe “perché non è vero”. Ester Arzuffi, madre di Massimo Giuseppe Bossetti, rompe il silenzio in un’intervista al Corriere della Sera in cui afferma di non aver mai avuto una relazione extraconiugale con Giuseppe Guerinoni – da cui sarebbe nato l’uomo accusato dell’omicidio di Yara Gambirasio – e che la scienza ha sbagliato: “Ne sono la prova”.

“Per gli investigatori è così”, ovvero che Massimo non è figlio di suo marito ma di Giuseppe Guerinoni, ed è Ignoto 1, il presunto killer di Yara, “per me no – spiega Ester -, al cento per cento. Non sono mai stata con Guerinoni”. “A meno che il mio cervello non abbia resettato tutto, questa è la verità”. ”Sì, vivevo a Ponte Selva come lui (Guerinoni, ndr)”, “ma era solo una conoscenza”. “Mio marito voleva cambiare lavoro, quindi ci siamo messi in macchina e siamo andati alla ricerca di un altro posto. L’abbiamo trovato alla Filco di Brembate Sopra. Ci siamo trasferiti nel 1969, sarà stato marzo o aprile, e loro (i gemelli, ndr) sono nati a ottobre del 1970, per altro con un mese di anticipo. Mi dice come possono essere figli di Guerinoni?”. Una giustificazione a cui, secondo il racconto della donna, ha creduto la figlia Laura Letizia, ma non la nuora e moglie del presunto assassino: “Mi ha ferito”, dice, “Faceva così – alza le mani ai lati del volto – ‘Ester dovevi dirmelo, dovevi diiirmelo’. Le ho risposto la stessa cosa: ‘La verità è un’altra’”. 

In famiglia si parlava del caso di Yara, “perché abitava a Brembate Sopra” e da suo figlio Massimo dice di non aver mai ”captato nulla”. “Con il carattere che ho, se lo avessi visto lì fisso a guardare i servizi sulla bambina e avessi dubitato di lui, gli avrei detto: ‘Vai dai carabinierì. Lo avrei trascinato”. La nuora, che non le crede, “mi ha ferito”, dice Ester. “I genitori di Yara sono andati dal parroco e gli hanno detto che sono vicini alla nostra famiglia – aggiunge -. Sono brave persone. Prima o poi andrò a trovarli e un abbraccio glielo devo dare”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Intermediari e prestanome per la Camorra: undici arresti per riciclaggio

next
Articolo Successivo

Napoli, stop dei treni alla stazione Centrale. Situazione tornata alla normalità

next