Dodici persone, perlopiù esponenti politici all’epoca dei fatti di Lega e Pdl tra consiglieri comunali, provinciali e segretari locali di partito, sono state indagate con l’accusa di avere falsificato e autenticato in concorso centinaia di firme legate alla presentazione di una lista di candidati del Carroccio per le Regionali in Emilia-Romagna del 2010. Il caso si è in particolare concentrato su Faenza, città nella quale in quello stesso anno si tenevano in concomitanza le elezioni comunali. La lista in questione, senza le firme ritenute fasulle, non avrebbe raggiunto la soglia minima di sottoscrizioni per essere considerata valida. Agli accusati in queste ore è in corso la notifica l’avviso di conclusione indagine.

L’inchiesta, portata avanti dalla Digos di Ravenna coordinata dal Pm Angela Scorza, si era innescata nell’ambito delle verifiche scattate in seguito al lancio di banane di fine luglio 2013 contro l’allora ministro Cécile Kyenge che stava parlando dal palco della festa del Pd a Cervia, sul litorale ravennate. E’ in quel contesto che una delle persone sentite dagli inquirenti, aveva riferito che le repentine dimissioni di un consigliere comunale Pdl, giustificate per motivi familiari, potevano in realtà essere legate alla richiesta di autenticare firme sulla cui autenticità quel consigliere nutriva seri dubbi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Multa a ragazzi tedeschi che suonano in piazza. Prima il Comune li pubblicizzava

prev
Articolo Successivo

Dell’Utri a Parma. Per lui lo stesso carcere di Riina e delle “cadute” di Provenzano

next