Torna a salire la produzione industriale, che in aprile mostra un incremento dello 0,7% rispetto a marzo, quando era calata dello 0,4%. A dirlo è l’Istat, che ha calcolato anche l’avanzamento della produzione su base annua: +1,6% contro la lieve flessione dello 0,1% di marzo. L’aumento sui 12 mesi è il massimo dall’agosto del 2011. E il rialzo di aprile, anche se più contenuto, ha superato le attese degli analisti. L’attività economica, dunque, torna a respirare a pieni polmoni dopo un marzo in discesa sia in termini congiunturali (-0,4%) che tendenziali (-0,1%). Nella media dei primi quattro mesi dell’anno la produzione è aumentata dello 0,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Limitandosi ad aprile, l’indice ha registrato variazioni congiunturali positive soprattutto nei comparti dell’energia (+3,0%), dei beni di consumo (+2,2%) e dei beni intermedi (+0,5%), mentre sono calati i beni strumentali (-1,3%). Con riferimento alle sole attività manifatturiere, la produzione è cresciuta dello 0,4%.

Per quanto riguarda i settori di attività economica, ad aprile 2014 i comparti che registrano la maggiore crescita tendenziale sono quelli della metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+7,1%), delle industrie alimentari, bevande e tabacco (+5,8%) e della fabbricazione di mezzi di trasporto (+3,4%). Le diminuzioni maggiori si registrano nei settori della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-8,1%), della fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (-6,7%) e della fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (-4,9%).

L’istituto di statistica ha anche confermato i dati sull’andamento del Pil nel primo trimestre dell’anno. Confermata la stima che a metà maggio si era abbattuta come una doccia gelata sulle speranze di ripresa del governo Renzi: il prodotto interno lordo è diminuito dello 0,1% rispetto ai tre mesi precedenti e dello 0,5% su base annua. Non solo: la crescita “acquisita” del prodotto – quella che si registrerebbe a fine anno se nei prossimi trimestri l’economia non crescesse – è pari a -0,2%. Il calo trimestrale del Pil deriva soprattutto dall’andamento negativo dell’industria (-0,4%) e in particolare delle costruzioni (-1,7%), che l’aumento del valore aggiunto dell’agricoltura non è riuscito a compensare. Quanto ai servizi, la variazione è stata nulla. Sul fronte dei consumi, un segnale positivo arriva da quelli delle famiglie residenti, aumentati dello 0,1% sul trimestre precedente: si tratta del primo segno più dal quarto trimestre del 2010. Ma, anno su anno, il dato rimane negativo: -0,6%. Positivo l’andamento di esportazioni e importazioni, salite rispettivamente dello 0,8% e dello 0,3%. Male invece gli investimenti fissi lordi delle imprese, calati dell’1,1%. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alitalia, Del Torchio: “Da Etihad investimento da 560 milioni”

next
Articolo Successivo

Evasione, la GdF scopre 2 miliardi di imposte non pagate nell’immobiliare

next