Parma è una piccola città, piccolina, duecentomila abitanti circa. Se penso ai casini dell’Expo2015, al Mose, alla Tav, a quelli in divenire, bè… qui a Parma non abbiamo Grandi Opere, ma la città è stata spolpata con la lussuria di una mantide.

Abbiamo quel ponte nord, un cànchero che non serve a un tubo, cattedrali commerciali dove la gente va per non incontrarsi, un inceneritore che è più conteso di un figlio da genitori squinternati, nessuno lo vuole, tocca mantenerlo ed è sempre colpa dell’altro coniuge. Noi, voglio dire noi parmigiani, con le mazzette abbiamo dato il nostro contributo e ancora ci stiamo dando da fare, la giustizia ci aggiornerà in corso d’opera e chi è innocente oggi potrebbe essere un delinquente a sua insaputa.

Siamo pieni di cemento, chi vuole un po’ di cemento? Ti manca del cemento? Mancano soldi, soldi non ce n’è, le banche non ne danno, il mese è troppo lungo. Crisi, punto. Secondo i dati della Camera di Commercio di Parma l’edilizia va sempre peggio dal 2008. E qui mi perdo. Mi perdo perché percorro la tangenziale e quello che vedo non è l’orizzonte di una volta, quello la cui linea era interrotta solo da un campanile qua e là: ora son le gru dei cantieri, che al tramonto sembrano ragni pancia all’aria e zampe al cielo. Sono cantieri operosi, fermi, abbandonati, ultimati, incerti. Ci sono palazzi in costruzione, scheletri di palazzi, palazzi invenduti. Un pullulare di cantieri, la cui inutilità è manifesta in quelle tapparelle perennemente abbassate che ingialliscono al sole. Dentro: appartamenti vuoti. Chi compra quelle case? Chi ha necessità di un alloggio e la disponibilità per occuparlo? Chi può permettersi di erigere sempre nuovi cantieri se l’edilizia è a terra? Se l’edilizia è in crisi, se nessuno compra, se il mercato è fermo, cos’è questo assedio?  Cosa sono questi mattoni che, peggio delle locuste, divorano il suolo nel dolore delle istituzioni e nell’assenza della domanda di nuovi alloggi?

Cantieri privati ovunque con l’ edilizia a pezzi: si sta in ginocchio per pregare o per servire, ma in entrambi i casi per obbedire a un padrone. Chi è e con che denaro comanda nella città perbene? Per carità, son solo domande.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Rai, perché deve cambiare. Confronto con la Bbc

next
Articolo Successivo

Confindustria, Squinzi: ‘Fuori chi corrompe’. Ma i condannati sono troppi

next