Informarsi e conoscere i fatti che influenzano il nostro pianeta e toccano la nostra vita di tutti i giorni dovrebbe essere logico, in quanto fa parte dell’innato istinto di sopravvivenza. Cinemambiente porta avanti questa battaglia, la battaglia della conoscenza, per creare una coscienza critica, una coscienza sociale attenta agli interessi del cittadino contro le logiche del profitto e delle lobbies. Cinemambiente è il più importante festival europeo sul cinema ambientale (insieme al Fife di Parigi) e mostra e mostrerà a Torino fino al 5 giugno documentari di approfondimento e denuncia che dovrebbero essere visti in Italia con un audience del 100%.

cineambiente-2014Ecco appunto, Cinemambiente vincerà la sua battaglia quando questi film saranno in prima serata su Canale 5. Allora Cinemambiente non avrà più ragione di esistere. Fino ad allora è e sarà uno degli strumenti più efficaci per aprire gli occhi (sensibilizzare è un termine troppo delicato) all’opinione pubblica italiana, a tutti quei cittadini che non si interessano di, e non sanno, cosa mangiano, cosa respirano, come le loro tasse sono impiegate, perché viviamo un aumento spaventoso di tumori e sterilità giovanile, quanto il nostro habitat assomigli sempre più ad un micro-onde in cui siamo noi a cuocere, etc..

Uno strumento fondamentale in quest’ottica è il programma rivolto alle scuole che il Direttore Gaetano Capizzi ha creato qualche hanno fa e che ora conta una lista di 600 scuole aderenti che possono accedere online durante tutto l’anno scolastico all’archivio video con una spesa annuale simbolica. Attraverso il sito l’educazione ambientale oggi è resa accessibile a tutti i Presidi italiani e ai loro dirigenti scolastici, non ci sono più scuse.

“Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la riceviamo in prestito dai nostri figli” (Amazon Gold, USA, 53 min. diretto da Reuben Aaronson). L’Educazione Ambientale è un termine abbastanza noioso e lontano da ogni allarmismo. Sarebbe forse meglio chiamarla Educazione all’Istinto di Sopravvivenza?

Passate parola.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Altro che trivelle, in Usa vincono le rinnovabili

next
Articolo Successivo

Il Fatto Quotidiano con i Comuni Virtuosi: cinque minuti per cambiare l’Italia

next