L’erede di una ricca famiglia di Monaco, che possiede un impero immobiliare, è rimasta gravemente ferita durante un agguato messo a segno ieri sera davanti all’ospedale di Nizza, nel sud-est della Francia. Un gesto su cui si allungherebbe l’ombra della ‘ndrangheta. “Anche se per il momento gli inquirenti non privilegiano alcuna pista – scrive LeFigaro.fr – la ‘mafia italiana’ potrebbe essere all’origine di questo agguato (…) Il controspionaggio giudica la “minaccia” seria, evocando sospetti “d’infiltrazione della mafia calabrese da Ventimiglia”.

Hélene Pastor, 77 anni, era andata a far visita al figlio ricoverato all’ospedale L’Archet. La sua auto è stata presa di mira da un cecchino che la stava aspettando all’uscita del parcheggio. Nella sparatoria è rimasto gravemente ferito anche l’autista della donna. Le sue condizioni di salute sono state definite “preoccupanti” dai medici dell’ospedale Saint-Roc, dove i due feriti sono stati trasferiti. L’aggressore è fuggito con un complice. Diversi testimoni lo hanno visto a volto scoperto.

Il principato di Monaco è intanto sotto shock. Il principe Alberto II ha espresso in una nota “viva emozione” per l’accaduto e “sostegno” alla famiglia. Hélene Pastor è una delle eredi di una ricchissima dinastia monegasca, proprietaria di un impero immobiliare il cui valore è tenuto segreto. Il fratello della donna, Michel Pastor, scomparso a 70 anni a febbraio, era stato presidente del club di calcio As Monaco.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Costa Concordia, sbanda nuovemante cassone per la rimozione del relitto

prev
Articolo Successivo

Calcio: il tifo, una malattia che uccide il pallone

next