Acquisizioni in casa Bayer. La società farmaceutica tedesca ha annunciato che comprerà il ramo customer care della statunitense Merck & Co. per 14,2 miliardi di dollari. La britannica Reckitt Benckiser, anch’essa in lizza per l’acquisto si era da poco ritirata.

Tra i marchi più conosciuti della divisione che diverranno della multinazionale tedesca ci sono il prodotto per i piedi Dr. Scholl, l’antistaminico Claritin e le creme solari Coppertone. L’acquisizione “segna una pietra miliare nel nostro cammino verso la leadership globale nell’attraente business dei farmaci senza prescrizione”, ha commentato Marijn Dekkers, ceo di Bayer. L’azienda ha sottolineato che l’accordo la renderà leader di prodotti senza prescrizione in Nord America e in America Latina.

La società tedesca ha inoltre comunicato di avere raggiunto un’intesa con Merck per la cooperazione allo sviluppo di potenziali trattamenti cardiovascolari, per cui la casa statunitense pagherà a Bayer inizialmente un miliardo di dollari e successivamente pagamenti di entità dipendente dalle vendite.

Negli ultimi tempi c’è fermento fra le case farmaceutiche dei due lati dell’Oceano Atlantico. Al momento è ancora in corso il tentativo di Pfizer di acquisire la britannica AstraZeneca, che ha già rifiutato due offerte, l’ultima delle quali era da 106,5 miliardi di dollari. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ocse, Pil italiano salirà meno del previsto. “Paese è ancora vulnerabile”

prev
Articolo Successivo

Intesa SanPaolo, premio in azioni e rimborsi familiari per i dipendenti

next