La storia e le ripercussioni dello scoop che è valso il Pulitzer al Guardian e al Washington Post per il “servizio pubblico” reso al mondo: quello che in Italia è noto come Datagate non è semplicemente un affare diplomatico che investe lontane cancellerie internazionali, ma un grande esempio di come il giornalismo possa contribuire a formare una società più informata e a renderla “libera”. Partecipano James Ball (The Guardian), Fabio Chiusi(giornalista freelance), Carola Frediani(co-fondatore Effecinque.org), Annie Machon(direttrice The Courage Foundation), Omar Monestier (direttore Messaggero Veneto). Segui in diretta l’evento in streaming. Ecco il programma completo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Giovani e informazione, Censis: “Siamo entrati nell’era biomediatica”

next
Articolo Successivo

Festival Giornalismo Perugia, Moses blog: seguire la guerra in Siria e diventare fonte

next