Ha una faccia “faccia da mostro“. Almeno secondo Servizio pubblico Più, che nella puntata di stasera intervista per la prima volta in video l’ex poliziotto in pensione Michele Aiello, indagato da quattro procure per un presunto ruolo di primo piano in tanti misteri di mafia e di Stato. L’intervista di Walter Molino sarà trasmessa alle 21.00 su La7 e in diretta streaming su ilfattoquotidiano.it nella puntata speciale del programma di Michele Santoro intitolata “Bye Bye Marcello” sul caso Dell’Utri. “Faccia da mostro” è il nome affibbiato da pentiti e testimoni a un volto sfigurato che per anni si è aggirato come un’ombra nella Palermo delle stragi e degli omicidi eccellenti: l’Addaura, via D’Amelio, fino all’omicidio del poliziotto Nino Agostino e di sua moglie incinta. Aiello, che lavorò con Bruno Contrada, nega qualunque coinvolgimento: “In questa storia non c’entro niente, mi sono congedato nel 1977 a causa di una ferita da arma da fuoco che mi ha deturpato il volto. Da allora sono un semplice pensionato, faccio il pescatore e non ho mai più messo piede in Sicilia”. Nelle scorse settimane però, in una perquisizione la Digos gli ha trovato in casa, in Calabria, un piccolo arsenale di armi, le prove di un suo recente viaggio in Sicilia durato tre mesi e ricevute di titoli di Stato, risalenti ai primi anni ’90, del valore di 600 milioni di lire. In un’intercettazione della Dia del 2010, inoltre, fa un riferimento a “quando ero nei servizi segreti”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Magherini morto dopo l’arresto. Manconi: “Da Carabinieri comportamenti illegali”

prev
Articolo Successivo

In memoria di Carlo, un giovane assassinato: #unalberopercarlo

next