Sono stati identificati gli autori dell’aggressione mortale avvenuta nella notte tra domenica e lunedì scorso a Pisa, costata la vita al cameriere bengalese Zakir Hossain. Lo rende noto la questura di Pisa, spiegando che all’identificazione si è arrivati in nottata. Sono stati identificati tutti e quattro i componenti del gruppo coinvolto nell’aggressione. Si tratta, secondo quanto appreso, di giovani residenti in provincia di Pisa, nel territorio del comune di Cascina.

Un aiuto agli investigatori per l’identificazione sarebbe arrivato dalla diffusione delle immagini riprese dalle telecamere che hanno filmato quanto accaduto in corso Italia, nel centro di Pisa, e anche l’auto, una Ford Fusion grigia con barre nere laterali, con cui il gruppo si è poi allontanato. E’ probabile che alla polizia siano arrivate segnalazioni che hanno consentito di risalire ai componenti del gruppo, uno dei quali ha colpito la vittima, morta 36 ore più tardi per le conseguenze del pugno sferratogli al volto.

Giovedì era stato anche spiegato dagli inquirenti che lo stesso gruppo, due ore dopo l’aggressione al bengalese, è tornato in centro a Pisa e avrebbe tentato almeno altre due aggressioni. Le vittime non hanno reagito e la situazione non è degenerata. Sabato è in programma l’autopsia i cui esiti potrebbero modificare il capo di imputazione (al momento omicidio preterintenzionale a carico di ignoti). Intanto venerdì la città sarà attraversata da corteo di solidarietà per Zakir Hossain e la comunità bengalese tutta. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emergenza casa, diritti e speculazioni

next
Articolo Successivo

Vasco, Roxy e la vera storia della ‘vita spericolata’

next