Dopo lo sgombero dello stabile dove un tempo c’erano gli uffici dell’Inps, nella periferia sud di Roma, 150 famiglie si ritrovano per strada. “Carichiamo tutte le nostre cose sul camion – dice una donna – quello che siamo riusciti a recuperare, adesso non sappiamo dove andare”. Via Baldassarre Castiglione si riempie così di valigie, buste, oggetti ed elettrodomestici.  A poco meno di dieci giorni termina l’occupazione del palazzo mentre all’esterno ci sono scontri fra la polizia e gli attivisti del Movimento Lotta per la Casa.  “Adesso dove andiamo? – si chiede un occupante – Sono senza lavoro con due figli. Non so che fare”. Alla fine decidono di passare la notte nella sede del VIII Municipio di Roma Capitale. “Abbiamo un materasso – dice una bambina di dodici anni – ci arrangeremo io e mia madre per stasera”  di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, “la procura fermò le intercettazioni all’Assunta madre”

next
Articolo Successivo

Franceschini: “Sì a privati a Pompei, possono essere un grande aiuto”

next