A marzo sono state autorizzate 100,1 milioni di ore di cassa integrazione, con un aumento del 2,1% rispetto a marzo dell’anno scorso (98 milioni). L’aumento dipende, ancora una volta, dalla cig straordinaria (+14,9%) e in deroga (+12,6%), mentre la cig ordinaria è diminuita (-20%). I dati sono stati diffusi dall’Inps. In febbraio, invece, sono state presentate 126.855 domande di disoccupazione, il 4,7% in meno rispetto alle 133.045 del febbraio 2013. Si tratta, nel dettaglio, di 85.964 domande di Aspi, il nuovo sussidio che dall’inizio del 2013 ha preso il posto dell’indennità di disoccupazione ordinaria, 31.595 di mini-Aspi (assicurazione sociale per l’impiego, l’indennità ridotta per la quale basta aver versato 13 settimane di contributi negli ultimi 12 mesi), 247 domande tra disoccupazione ordinaria e speciale edile e 9.049 di mobilità. Le domande che si riferiscono a licenziamenti avvenuti entro il 31 dicembre 2012 continuano a essere classificate dall’istituto come disoccupazione ordinaria. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fisco, crescono le entrate a gennaio-febbraio: più 1,2% rispetto al 2013

next
Articolo Successivo

De Benedetti, nozze da 400 milioni tra Rete A (gruppo Espresso) e TI Media

next