Si è amputato il pene e l’ha gettato oltre il muro di un parcheggio di Livorno, poi ha chiamato il 118 per farsi soccorrere: protagonista del gesto un 28enne residente in città ma di origine straniera che ha spiegato ai medici di aver paura di essere afflitto da una malattia venerea. Il fatto è avvenuto stamani alle 5.30 in via Terreni. L’uomo è stato subito soccorso dai volontari della Misericordia, intervenuti con un’ambulanza con medico a bordo, poi è stato operato d’urgenza all’ospedale.

Il ragazzo ha usato un coltello per amputarsi il pene. Dopo essersi evirato, ha tamponato la ferita con bende e ghiaccio che aveva portato con sé per contrastare l’emorragia. Quindi ha chiamato soccorso col telefono.

Ai soccorritori ha detto di essere afflitto da una malattia venerea e di voler risolvere per sempre il suo problema. L’uomo ha problemi psichici e in passato avrebbe già tentato di ampurarsi il pene. Con sé aveva delle bende e del ghiaccio per medicarsi la ferita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili