Dopo il “caffè sospeso” di Napoli, e la “spesa sospesa” di Milano, in Sicilia c’è di nuovo il “pane in attesa”. In quattro panifici di Messina la solidarietà è arrivata fino al banco del fornaio. Come funziona? Proprio come nella tradizione napoletana che prevede di lasciare al bar qualche spicciolo per pagare il caffè a chi non può permetterselo. Il discorso è lo stesso, ma con un altro prodotto: dopo avere comprato le proprie pagnotte, si può lasciare una mancia, anche piccola, che servirà a donare il pane – in questo caso – a chi non ce l’ha.

«Aiutiamo chi di questi tempi non riesce a mettere a tavola uno dei beni più preziosi che c’è… il pane è vita!» dicono dal Panificio La Spiga D’oro, uno dei forni aderenti al progetto. L’iniziativa è promossa dall’associazione Invisibili onlus di Messina, e ha già conquistato altri tre panifici della città: Voglia di pane, il Panificio Macrì e Al Granaio. E dalle buone reazioni dei clienti siciliani c’è da scommetterci che presto si allargherà anche ad altri punti vendita.

L’offerta per il pane in attesa è libera – anche un solo panino è ben accetto – e verrà raccolta in un apposito contenitore posizionato in bella in vista. I sacchetti donati sono formati da cinque panini: il panettiere aspetterà di avere raccolto la somma necessaria per preparare la confezione da consegnare ai volontari o direttamente alle persone bisognose. Se le somme donate non verranno spese all’interno della giornata perché non ci sono abbastanza ritiri, andranno a fare cassa per l’acquisto del pane del giorno successivo. Un gesto semplice, buono come il pane.

www.puntarellarossa.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tradisco perché mi va. Punto

next
Articolo Successivo

Bologna City of Food, quando il cibo diventa sinonimo di città

next