Il meglio della robotica in Italia nella Capitale per la Romecup 2014. Scuole, università, start up mostrano i loro prototipi di intelligenza artificiale e le nuove frontiere dell’informatica. Stampanti 3d, robot capaci di mappare luoghi angusti, di prendere oggetti, di riconoscere porte e ascensori, di trasportare rifiuti tossici al posto degli infermieri in ospedale, di comunicare con il cervello umano. Tutto senza un telecomando, ma in maniera autonoma e grazie all’utilizzo del sistema italiano Arduino, una scheda elettronica open suorce, non brevettata che può essere usata e potenziata da tutti. Mentre gli studenti degli istituti tecnici superiori partecipano alla competizione nazionale Romecup, nella categoria soccer, robot che giocano a calcio, e dance robot ballerini. Il premio per le prime due squadre in classifica è la partecipazione ai mondiale del 2015 in Brasile. Aspetto ludico e professionale insieme. Molti i dottorandi in informatica ed elettronica dell’università La Sapienza di Roma, di Pisa, del Politecnico di Torino e della Statale di Genova, eccellenze in questo settore. “Noi siamo molto preparati, siamo stimati in Europa, ma siamo abituati a lavorare con poche risorse, pochi mezzi, e quindi quando andiamo all’estero, nei loro favolosi laboratori, facciamo faville – racconta una dottoranda dell’università di Genova – quello che ci manca come al solito qui in Italia sono i finanziamenti”  di Irene Buscemi

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Spillover, una app spiega la scienza ai bambini: vince il cervello migliore

prev
Articolo Successivo

MotoGp, la telecronaca di Sky: Rossi c’è, Meda no. La rivolta su Twitter

next