Il meglio della robotica in Italia nella Capitale per la Romecup 2014. Scuole, università, start up mostrano i loro prototipi di intelligenza artificiale e le nuove frontiere dell’informatica. Stampanti 3d, robot capaci di mappare luoghi angusti, di prendere oggetti, di riconoscere porte e ascensori, di trasportare rifiuti tossici al posto degli infermieri in ospedale, di comunicare con il cervello umano. Tutto senza un telecomando, ma in maniera autonoma e grazie all’utilizzo del sistema italiano Arduino, una scheda elettronica open suorce, non brevettata che può essere usata e potenziata da tutti. Mentre gli studenti degli istituti tecnici superiori partecipano alla competizione nazionale Romecup, nella categoria soccer, robot che giocano a calcio, e dance robot ballerini. Il premio per le prime due squadre in classifica è la partecipazione ai mondiale del 2015 in Brasile. Aspetto ludico e professionale insieme. Molti i dottorandi in informatica ed elettronica dell’università La Sapienza di Roma, di Pisa, del Politecnico di Torino e della Statale di Genova, eccellenze in questo settore. “Noi siamo molto preparati, siamo stimati in Europa, ma siamo abituati a lavorare con poche risorse, pochi mezzi, e quindi quando andiamo all’estero, nei loro favolosi laboratori, facciamo faville – racconta una dottoranda dell’università di Genova – quello che ci manca come al solito qui in Italia sono i finanziamenti”  di Irene Buscemi

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spillover, una app spiega la scienza ai bambini: vince il cervello migliore

next
Articolo Successivo

Facebook punta sulla realtà virtuale: 2 miliardi di dollari per comprare Oculus VR

next