La Fondazione Mps comunica, su richiesta della Consob, di aver effettuato la vendita “a mercato chiuso” di 1,4 miliardi di azioni della banca senese, pari all’11,98% del capitale. Con le vendite effettuate sul mercato martedì 18 e nei giorni precedenti, la quota detenuta in Mps è ora pari al 15,07 per cento. Il ricavato delle vendite è prioritariamente destinato alla totale estinzione del debito residuo nei confronti dei creditori finanziatori.

Le quote vengono offerte con uno sconto del 5% rispetto alla chiusura del titolo Mps di martedì 18 in Borsa e per la precisione a 0,2337 euro per azione. Al prezzo di 0,246 euro per azione segnato martedì dalla banca a Piazza Affari il pacchetto delle azioni vale 336 milioni di euro, mentre al valore offerto si parla di una quota che vale 327 milioni. Il titolo, probabilmente sui rumor di un possibile collocamento, ha avuto una seduta vivace in Borsa chiudendo in rialzo del 2,71%, mentre nel mattino era arrivato a guadagnare il 4,8 per cento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Spending review, tutti i tagli del piano Cottarelli: ecco i cinque capitoli di spesa

prev
Articolo Successivo

Trucchi di Borsa, Tar del Lazio: “Collusione Malacalza, Tronchetti e banche su Camfin-Pirelli”

next