Un incontro per imparare a diventare amministratori, prendendo come modello il lavoro della giunta di Parma di Federico Pizzarotti (M5S). Niente di più. Così gli aspiranti sindaci del Movimento 5 stelle definiscono il raduno organizzato dal sindaco in un agriturismo di Parma. Un summit che alcuni giorni fa Beppe Grillo aveva bollato come non ufficiale. “I chiarimenti ci sono già stati, per questo dentro la sala non si è parlato di quella vicenda”, assicura Ermes Fornaciari, candidato di Rubiera, in provincia di Reggio Emilia. “C’è stata la possibilità di osservare, attraverso Pizzarotti che per noi è un importante modello, quali sono le difficoltà e i problemi a cui si può andare incontro in un’esperienza amministrativa” racconta in una pausa Enrica Sabatini, candidata a Pescara. Arrivati da tutta Italia intorno alle 10 di mattina, i candidati hanno ascoltato e discusso per circa due ore, prima di pranzare e poi ricominciare con il dibattito. “Abbiamo fatto molte domande perché siamo al debutto” spiega Alex Conti, aspirante sindaco a Cremona. “Ora la ciliegina sulla torta sarebbe l’arrivo di Grillo da Milano”  di Giulia Zaccariello

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europee, Grillo: ‘Vinceremo e andrò dalla Merkel’. Di Battista: ‘Sarà crisi di governo’

prev
Articolo Successivo

Lavoro, Vendola (Sel): ‘Riforma Renzi? Si universalizza la precarietà’

next