Due donne si scagliano contro Giuseppe Civati (deputato Pd) all’uscita di Montecitorio: “La popolazione vuole andare al voto”. E ancora: “Tu non c’hai le palle, sei peggio di Renzi perché non sei coerente”. Invece un altro signore prova a difendere il parlamentare: “Lasciamolo lavorare, Civati deve dare una mano a Renzi”. Civati non perde l’aplomb e si rivolge ad una delle due signore: “Vuole andare a votare, io sono d’accordo con lei signora”. “Voglio votare un coglione, ma voglio votare” ribatte la donna. “Te ne dovevi andare dal Pd”. E Civati: “Signora in questo momento sono in minoranze e non mi danno retta”. Poi il deputato più critico all’interno del Pd risponde ad alcune domande dei cronisti: “Legge elettorale entro venerdì? Sicuramente non entro domani”. L’Italicum così è un pasticcio. Io sono in un partito che prende decisioni secondo me sbagliate, vedremo di confrontarci col 99,9% del Pd che la pensa diversamente. Io vorrei delle modifiche”  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maria Elena Boschi: “Barracciu? Non chiederemo dimissioni per avviso garanzia”

next
Articolo Successivo

Governo Renzi, Gentile: un caso risolto. Ma rimangono 5 indagati

next