Renzi scommette sulla scuola con un piano straordinario per l’edilizia scolastica, dichiarando “ogni settimana andrò nelle scuole ad ascoltare le richieste e poi torno a Roma con i compiti a casa”.

Azzano MellaPrimo appuntamento, la scuola media Luigi Coletti a Santa Bona a Treviso. Visto che il tour comincia dal nord del Paese, per le sue prossime tappe, gli segnaliamo, non lontano da Santa Bona a Treviso, la scuola primaria di Ponzano Veneto progettata dallo studio di architettura Segantini e  C+S Associati (Carlo Cappai , Maria Alessandra Segantini) e, in provincia di Brescia, l’ampliamento della scuola elementare di Azzano Mella dell’arch. Camillo Botticini. Le due scuole, oltre ad essere sintesi di qualità architettonica, economia e risparmio energetico, reintroducono la categoria critica del bello con un’architettura elegante, pensata e studiata nei dettagli, che soppianta quella sbrigativa e volgare di un patrimonio di edilizia scolastica senescente, gravato dalla mortificante estetica “sovietica” degli anni Settanta e Ottanta, risultato dell’impiego del fallimentare processo edilizio della prefabbricazione, e dell’altrettanto fallimentare ideologismo dell’Accademia, che ha segnato l’inizio della fine dell’architettura italiana.

Ponzano VenetoI rispettivi autori  di queste due opere, che hanno ricevuto premi e riconoscimenti, sono stati recentemente esclusi dall’Abilitazione Nazionale, i cui clamorosi esiti e gli spericolati giudizi della commissione di Progettazione Architettonica, sono assurti agli onori della cronaca .

Botticini e Segantini, rei di non aver prodotto, a detta dei commissari, “qualche riflessione di maggiore originalità” con pubblicazioni teoriche un tanto al chilo, pur svolgendo attività di ricerca e didattica a contratto, in prestigiose strutture nazionali e internazionali, al momento, non potranno far parte a pieno titolo, dell’Accademia italiana.  

Suggeriamo a [email protected] che il rinnovamento del  Paese che vuole a  partire dalla scuola con l’edilizia scolastica, passi dall’architettura, possibilmente rifondando la sua Scuola in caduta libera a cominciare  proprio dai criteri di selezione per l’Abilitazione Scientifica Nazionale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lucio Dalla, due anni dopo quella telefonata

prev
Articolo Successivo

“L’ha detto un italiano”: dagli 883 alla Hack, l’aforisma allunga la vita (del Paese)

next