“Il governo Renzi è l’ultima spiaggia per l’Italia”. All’economista Nouriel Roubini, intervenuto a un convengo organizzato da Aism Luxembourg e Idp Financial Solution, il futuro premier piace. “Per l’Italia questa è l’ultima possibilità ma c’è una buona notizia: Matteo Renzi”. Il consiglio che dà al Paese è quello di seguire le politiche proposte dal neo primo ministro che è “giovane, ha visione e vuole fare riforme vere. Una persona – continua l’economista – può fare la differenza ma deve avere un paese alle spalle, tutti dovrebbero sostenerlo”. Altrimenti, il rischio è quello di “annegare”.

Per l’economista “l’Italia ha già fatto molto sul piano fiscale ma deve intervenire di più sulle riforme strutturali, in particolare il lavoro che ha un costo troppo elevato: bisogna tagliare la spesa del 2% per ridurre le tasse sul lavoro e dare incentivi alle imprese che assumono, rivedere i contratti di lavoro per renderli uguali tra chi già lavora e chi comincia ora, tutti i nuovi contratti dovranno essere a tempo indeterminato ma con la possibilità per le aziende di licenziare se serve”.

Oltre al lavoro, l’altra priorità per Roubini, è lo snellimento della burocrazia: “E’ necessario – spiega – liberalizzare i servizi, rendere più efficiente la giustizia e la pubblica amministrazione e rifare la legge elettorale. Sono cose che in Italia sanno tutti da anni ma nessuno ha fato, nonostante gran parte delle forze politiche sia d’accordo”. Per uscire dal “rischio di declino economico permanente” però serve anche una spinta: “E’ necessario fare investimenti pubblici, fornire credito, ricapitalizzare le banche eliminando gli asset passivi e favorire le start up”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Popolare di Vicenza chiede un miliardo ai soci per l’aumento di capitale

next
Articolo Successivo

Mediobanca, l’amministratore delegato: “Bad bank? E’ un business interessante”

next