Arrestata e rilasciata dopo diverse ore per aver esposto una bandiera con la scritta in russo ‘gay è ok’ mentre guardava le Olimpiadi di Sochi dagli spalti. E’ Vladimir Luxuria, prima parlamentare transgender eletta in Italia nel 2006 come indipendente, su proposta di Rifondazione comunista.

“Ho appena ricevuto una telefonata da Vladimir Luxuria – ha raccontato Imma Battaglia, presidente onorario di ‘Gay Project’ – È stata arrestata dalla polizia a Sochi mentre assisteva alle Olimpiadi con una bandiera con la scritta in russo ‘gay è ok’. L’atteggiamento degli agenti è stato brutale e aggressivo. Nessuno parla inglese. Ora si trova da sola in una stanza con luci al neon sulla faccia, presumibilmente in stato di fermo. Chiediamo un intervento immediato del ministro Bonino”.

Dopo alcune ore il rilascio: “E’ libera e sta bene. Così mi ha scritto in un messaggio il ministro degli Esteri”, ha fatto sapere la stessa Battaglia. Poco prima dell’arresto, su Twitter Luxuria aveva scritto: “Sono a Sochi! Saluti con i colori della rainbow, alla faccia di Putin!”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diritti disabili, al cinema con una nuova app

next
Articolo Successivo

Milano, sposo ma non posso sposarmi. A quando i matrimoni gay?

next