Arrestata e rilasciata dopo diverse ore per aver esposto una bandiera con la scritta in russo ‘gay è ok’ mentre guardava le Olimpiadi di Sochi dagli spalti. E’ Vladimir Luxuria, prima parlamentare transgender eletta in Italia nel 2006 come indipendente, su proposta di Rifondazione comunista.

“Ho appena ricevuto una telefonata da Vladimir Luxuria – ha raccontato Imma Battaglia, presidente onorario di ‘Gay Project’ – È stata arrestata dalla polizia a Sochi mentre assisteva alle Olimpiadi con una bandiera con la scritta in russo ‘gay è ok’. L’atteggiamento degli agenti è stato brutale e aggressivo. Nessuno parla inglese. Ora si trova da sola in una stanza con luci al neon sulla faccia, presumibilmente in stato di fermo. Chiediamo un intervento immediato del ministro Bonino”.

Dopo alcune ore il rilascio: “E’ libera e sta bene. Così mi ha scritto in un messaggio il ministro degli Esteri”, ha fatto sapere la stessa Battaglia. Poco prima dell’arresto, su Twitter Luxuria aveva scritto: “Sono a Sochi! Saluti con i colori della rainbow, alla faccia di Putin!”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diritti disabili, al cinema con una nuova app

prev
Articolo Successivo

Milano, sposo ma non posso sposarmi. A quando i matrimoni gay?

next