Ho avuto l’onore di scambiare qualche parola con John Elkann, in visita al giornale dove lavoravo, La Stampa. Mi rimasero impressi soprattutto i suoi capelli, schiacciati sulla nuca come accade a chi si sia appena alzato. Erano le cinque di pomeriggio. Del discorso che tenne alla redazione non ricordo molto, se non la strenua battaglia – ahimè perduta – con i congiuntivi. Oggi è facile prendersela con lui per quella frase apparentemente infelice: “Molti giovani non colgono le tante possibilità di lavoro che ci sono o perché stanno bene a casa o perché non hanno ambizione”.

Troppo facile fare dell’ironia, come sparare sulla Croce Rossa.

Ma forse siamo noi che non abbiamo capito l’estremo e delicato atto di sensibilità di un giovane incompreso: nel giorno in cui la Fiat lascia l’Italia, il lavoratore Elkann cerca di renderci meno penoso il distacco e di lenire la nostra pena. Si sacrifica pur di farci pensare: per fortuna li abbiamo rifilati all’America.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il 2014 si apre con 440mila lavoratori in cassa integrazione: persi 700 euro a testa

next
Articolo Successivo

Università e lavoro: a tutto c’è rimedio… tranne che alla laurea

next