“Aprite qui in Albania“. E’ il messaggio rivolto dal primo ministro Edi Rama alle imprese italiane, a cui offre di affittare spazi a un euro per tutta la vita. “Siamo pronti ad accogliere gli imprenditori mettendo a disposizione strutture esistenti da riqualificare, come capannoni e basi militari, che affitteremo a un euro, indipendente dai metri quadri locati, con contratti che durano per sempre”, ha spiegato il presidente in occasione dell’incontro con gli imprenditori alla Bosch di Milano, sottolineando che l’Albania ha bisogno di “sviluppare il settore privato e di creare posti di lavoro”.

Per questo motivo Rama ha raggiunto Milano, terza tappa del suo tour italiano mirato ad attirare gli investimenti. “Abbiamo diverse manifestazioni di interesse da parte di imprese, prevalentemente del settore manifatturiero“, ha precisato, “ma anche di imprenditori pugliesi attivi nelle energie rinnovabili. Oltre a Bosch, che a Tirana dovrebbe aprire a breve un centro di formazione professionale”. Il primo ministro Rama ha poi fatto visita al consolato albanese, che comincerà ad offrire servizi anche ai cittadini del Kosovo, secondo un accordo con Pristina che peraltro non è stato oggetto di commenti nel corso dell’appuntamento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Debiti dello Stato, Italia ancora maglia nera in Ue. “Rischio multa pari a un anno di Imu”

prev
Articolo Successivo

Decreto Imu-Bankitalia, Saccomanni: “Addolorato per falsità e distorsioni”

next