Uno schiaffo alla deputata Loredana Lupo. Anzi no, l’estremo tentativo di difendere la Presidente della Camera Laura Boldrini dall'”assalto” dei parlamentari Movimento 5 Stelle. Nei minuti subito dopo l’approvazione del decreto Imu-Bankitalia a Montecitario è stato il caos. I deputati grillini si sono gettati sul banco del governo occupandoli e hanno cominciato a fischiare con fischietti. Alcuni erano imbavagliati. E’ scoppiata una rissa. I Cinque Stelle denunciano un’aggressione nei confronti della Lupo: “Il questore Stefano Dambruoso l’ha colpita facendole perdere una lente. Non è la prima volta che accade. E anche lui l’ha ammesso” dice Angelo Tofalo. Si tratta di Stefano Dambruoso, montiano di Scelta Civica, ex pm antiterrorismo e soprattutto questore della Camera. ”Abbiamo chiesto le dimissioni e lo denunceremo ” aggiunge il vicecapogruppo Giuseppe Brescia. 

Diversa però la versione dello stesso deputato: “Escludo assolutamente lo schiaffo” ma c’è stato un “contatto fisico per bloccare una aggressione alla presidente Boldrini”. “Ho visto tre persone avventarsi verso di lei – continua – e ho cercato di dare una mano, ho fatto opera di blocco ma non c’è stato nessuno schiaffo. Solo un contatto fisico”. Secondo il questore il loro “diritto politico a protestare è sconfinato in una forte violenza e c’è stato in aula molto più che solo spintoni. Sono stato letteralmente aggredito. Hanno cercato di raggiungere la Boldrini e per evitare ciò, con gli assistenti, sono state bloccate, con la sola nostra presenza fisica, più persone”. Infine a chi gli faceva osservare che M5s vuole denunciarlo, Dambruoso ha replicato: “Siamo in Paese democratico e bisogna credere alla giustizia, se lo ritengono chiedano tutti gli accertamenti possibili”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Italicum, Sofia Ventura: “Cara Carlassare, così torniamo alla Prima Repubblica”

prev
Articolo Successivo

Traghetti e malapolitica: la Sardegna tradita

next