“Io non posso partorire, sono una suora“. Roxana Rodriguez ha reagito così, davanti ai medici del San Camillo de Lellis di Rieti, una volta appresa la notizia della sua gravidanza. In stato molto avanzato, visto che dopo poche ore ha dato alla luce suo figlio, che ha chiamato Francesco in onore di Papa Bergoglio. Secondo quanto scrivono Corriere e Repubblica, la monaca 33enne di origine salvadoregna e dell’ordine delle Piccole discepole di Gesù sarebbe rimasta incinta “tra marzo e aprile dell’anno scorso” quando tornò a casa per rinnovare il passaporto. “Come lo possiamo definire? – dice don Benedetto, direttore della Caritas diocesana – Un revival, il ritorno di fiamma di un’amicizia giovanile…”

Tuttavia né lei, né le consorelle si erano accorte della gravidanza. “Ho sofferto a lungo per una cistite e una gastrite – racconta Roxana alla sua amica Donatella, secondo il quotidiano di via Solferino – ero in cura da un medico, prendevo un sacco di farmaci, pensavo che il gonfiore dipendesse anche dal fatto che digerivo male e non ho badato nemmeno al ritardo del ciclo…”. Roxana, che ora si sente “più mamma che suora”, non ha alcun senso di colpa, sta bene e potrebbe essere dimessa a breve. Per il bambino, invece “conviene aspettare 48 ore”. Nel convento di Campomoro, però, le consorelle sono arrabbiate e nessuna di loro le ha fatto visita in ospedale. “Lasciateci in pace, perché lei qui non c’è più”, dicono dal citofono del monastero. 

Ora la donna dovrà lasciare la vita religiosa, come aveva puntualizzato anche il vescovo Delio Lucarelli (“E’ preferibile che la sorella conduca una vita secolare”) e, nonostante la solidarietà di Campomoro, non pensa di rimanere a Rieti e nemmeno di tornare nel suo Paese, dove la vicenda ha creato molto clamore. La suora viveva in Italia da dieci anni e aveva preso i voti perpetui di castità, povertà e obbedienza il 26 settembre 2012, dopo “10 lunghi anni di preparazione, tra probandato, noviziato e voti temporanei”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sparatoria in Brianza, arrestato uno dei due rapinatori. Caccia al complice

prev
Articolo Successivo

Calabria, bimbo di 3 anni e coppia uccisi e bruciati. “Forse vendetta per droga”

next