La Calabria, la stazione di Cosenza, gigantesco monumento allo spreco. Le ferrovie calabresi dissestate. Quattro ore per fare 80 chilometri, un tratto interrotto dove bisogna abbandonare il treno e salire sulla corriera. E Gioia Tauro, una stazione fantasma dove l’ultima ragazza assunta come capostazione vende i biglietti per l’ autobus. Questo l’argomento della seconda puntata della docu-serie de ilfattoquotidiano.it dedicata alle tratte delle ferrovie italiane prima dismesse e poi abbandonate. ‘La vita è un treno’ è firmata dal giornalista e scrittore Antonello Caporale e dal regista Enzo Monteleone. Un viaggio sentimentale e un atto di denuncia civile. Un percorso lungo tremila chilometri seguendo la traccia della ruggine dei binari. Ogni mercoledì sul sito una nuova puntata
GUARDA LA PRIMA PUNTATA: IL TRENO FANTASMA

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cape2Rio, è record per Maserati!

prev
Articolo Successivo

Ior, Bergoglio rinnova i cardinali della commissione vigilanza. Finita era Bertone

next