Quasi un’azienda su tre è in rosso. Dalle statistiche del ministero dell’Economia sulle dichiarazioni Ires (Imposta sul reddito delle società) emerge che il 32% delle società di capitale che hanno presentato una dichiarazione nel 2011 hanno dichiarato una perdita contro un 62% dei soggetti che ha denunciato al Fisco un reddito di impresa. La percentuale di imprese in perdita resta allarmante, anche se calata del 2,9% sul 2010.

I dati del ministero mostrano inoltre che il reddito medio dichiarato dalle imprese è sceso del 3% sull’anno precedente, a 227.170 euro.

Le dichiarazioni Irap (Imposta regionale sulle attività produttive) relative all’anno 2011 sono state 4.632.934 registrando un calo del 2,1% rispetto all’anno precedente. La diminuzione, meno accentuata rispetto a quella del 2010, riguarda soprattutto le persone fisiche ed è dovuta alla continua adesione al “regime dei minimi” che segna una crescita del 7,1 per cento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Banca mondiale alza stime Pil globale. Ma la crescita della Germania delude

prev
Articolo Successivo

Tribunale Milano: “E’ boom di cause intentate alle banche: +65% in un anno”

next