Le temperature globali sono avviate ad aumentare di almeno 4 gradi entro la fine del secolo, avverte una nuova ricerca australiana, secondo cui i modelli finora sviluppati sull’andamento del clima sono probabilmente errati, perché non tengono conto correttamente del ruolo delle nuvole.

Gli studiosi dell’Università del Nuovo Galles del Sud, guidati dal professor Steven Sherwood del Centro di ricerca sul cambiamento climatico, sostengono di aver individuato la chiave per prevedere il comportamento della nuvolosità e prevedono che questa non sarà di aiuto nel contenere gli aumenti di temperatura, come prevedono molti modelli.

Negli ultimi 25 anni le maggiori incertezze nel modellare i cambiamenti climatici sono state legate ai mutamenti nella nuvolosità, scrive Sherwood sulla rivista Nature. E in molti modelli le previsioni di minori aumenti di temperature si basavano sulla sua funzione di contenimento. “Questa ricerca risolve uno dei maggiori dilemmi nella scienza climatica“, afferma.

“La chiave alla reattività del clima all’aumento dei livelli di CO2 sta nel comportamento delle nuvole e nella loro capacità di limitare gli aumenti, rinfrescando la superficie terrestre oltre a riflettere nello spazio i raggi del sole”, aggiunge. Talvolta però l’aria si solleva solo di pochi chilometri fino a uno strato di confine, prima di ridiscendere verso la superficie terrestre. Altre volte può salire fino a 10-15 chilometri. Il più ottimistico dei 43 modelli esaminati prevede che l’aria raggiunga in maggior parte il livello più alto, formando nuvole che avrebbero un effetto rinfrescante. “Questi modelli presuppongono una minore sensitività climatica, ma crediamo che non siano corretti”, sostiene Sherwood.

La pubblicazione della ricerca coincide con gli ultimi dati del Bureau di Meteorologia secondo cui nel 2013 l’Australia ha subito l’anno più caldo mai misurato, con temperature di 1,2 gradi superiori alla media di lungo termine. Il rapporto sottolinea l’influenza delle emissioni di anidride carbonica, dichiarando che “il riscaldamento nella regione australiana è molto simile a quello osservato su scala globale e l’anno passato sottolinea che la tendenza al riscaldamento continua”.

L’abstract dello studio su Nature

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Test su animali, la battaglia dei ricercatori. Redi: ‘Proibiti solo dalla Germania nazista’

prev
Articolo Successivo

Hiv: l’origine misteriosa

next