Il termine “vibratore” viene sempre associato all’autoerotismo femminile. Sbagliato. Nel grande luna park dell’oggettistica del sesso, esistono vibratori anche per l’uomo. Oggi però voglio segnalare un interessante stimolatore, pensato e sperimentato in Gran Bretagna da tempo, ma sconosciuto in Italia.

Fu presentato a Chicago nel 2012 nel corso del World Meeting of Sexual Medicine. I creatori – il medico britannico Andy Zamar e la psicoterapeuta Tessa Fane – sostengono che i benefici si avvertono subito, che non si sono constatati effetti collaterali e sembra che la soluzione al problema dell’eiaculazione precoce sia permanente.

prolong-premature-ejaculation-treatmentIl Programma Prolong consiste in un piccolo dispositivo che utilizzato con costanza tre volte alla settimana durante la masturbazione, dovrebbe riuscire a desensibilizzare l’area sotto il glande nel giro di poco più di un mese. Gli “esercizi”  – massaggi delicati – sono suggeriti sia da soli ma anche con la partner, considerandoli parte dei preliminari.

Il tutto senza controindicazioni e a un costo limitato di 200 sterline. La confezione, discreta ed elegante, include il vibratore, il lubrificante e le istruzioni per il training.

Pare anche che  il programma possa aiutare qualsiasi uomo che voglia aumentare la durata della sua performance, e non solo quelli che si sentono di soffrire di eiaculazione precoce.

Non male.

Seguimi anche sul mio sito http://www.bettinazagnoli.com/

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La “gubana”, speciale strudel friulano

prev
Articolo Successivo

Cioccolatini al Nero d’Avola, da una scommessa al mercato dolciario

next