La procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo sui rimborsi spese per le missioni e le trasferte degli amministratori comunali (consiglieri, assessori, dirigenti). Nei giorni scorsi i consiglieri comunali di Progetto Reggio avevano sollevato la questione di rimborsi spese ritenuti strani: per esempio indennità ottenute senza presentare lo scontrino, oppure cene per due senza sapere chi era l’altro commensale, pranzi senza scontrini e ancora un bicchiere di whisky da 10 euro. Per il momento si tratta di un fascicolo senza indagati, né ipotesi di reato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La resistenza intelligente del centro sociale XM24

next
Articolo Successivo

Consigliere finse residenza sull’appennino: “Stufa a legna e mai un ospite in 5 anni”

next