Marco Travaglio si esprime nuovamente sulle larghe intese e sulla figura di Napolitano: “Ho letto i diari di Padoa Schioppa nei quali racconta come Napolitano gli mettesse continuamente i bastoni tra le ruote. Napolitano era il candidato di Berlusconi e lui impone le larghe intese già dai tempi di Achille Occhetto. Quando Napolitano è stato rieletto – non è vero che non voleva essere rieletto – i giornali si sono inventati un’emergenza che non esisteva. È quasi sempre successo che i Presidenti dopo 4 scrutini non venissero eletti. Napolitano poteva rifiutare. Brunetta e Berlusconi” – continua – “applaudivano quando Napolitano è stato rieletto, definendo il suo discorso “meraviglioso”, salvo rivoltarsi al momento della mancata grazia. Lo hanno rieletto loro. Berlusconi si aspettava il salvacondotto”. E osserva: “Le larghe intese a furia di stringersi e di chiudersi producono l’opposizione in piazza. E più si va avanti più le cose si complicano, perché con il passare del tempo i violenti sono meno controllabili”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Forconi a Nichelino: “Siamo a favore della mafia”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Rampini: “La paura di Napolitano è di perdere l’ancoraggio con l’Europa”

next