Nel 2008 Barbara Spinelli scrive sulla Stampa una serie di editoriali critici sul comportamento istituzionale del Presidente Napolitano. Pochi mesi dopo il capo dello Stato le scrive una lettera dai toni molto risentiti in cui la accusa di non conoscere i fatti per cui lo critica e di essere “tendenziosamente informata e sollecitata”. Dopo un ulteriore scambio di lettere, la Spinelli viene invitata ad un colloquio al Quirinale. Marco Travaglio, per il suo ultimo libro “Viva il Re!”, si è fatto raccontare questo episodio. Servizio Pubblico lo fa rivivere con un docudrama in diretta

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Fico (M5S) vs Innocenzi: “La sua intervista non è lecita”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, lo scontro tra Nuti (M5S) e Letta

next