Si avvicina il Natale e, come ogni anno, i palinsesti televisivi si assestano su una linea di basso profilo, con repliche e proposte di scarsa qualità per famiglie, mentre qualche programma di punta chiude i battenti o si prende una lunga pausa per le festività. Ma prima di presentare i programmi tv di prima serata, oggi è d’obbligo segnalare un appuntamento molto atteso del pomeriggio televisivo. Alle 17, in diretta su RaiDue e SkySport1, in Brasile si sorteggiano i gironi del mondiale di calcio della prossima estate. Grande attesa per i tifosi della Nazionale, che rischia di capitare in un girone di ferro.

Più tardi, in prima serata, chiude un’annata al di sopra di ogni aspettativa Tale e Quale Show su RaiUno. Il vip show condotto da Carlo Conti viaggia ormai stabilmente oltre i sei milioni di telespettatori. Un’edizione trionfale, per un varietà non certo innovativo ma che funziona, grazie al cast azzeccato, all’intento dichiarato di voler intrattenere con semplicità e all’ormai rodata giuria composta da Loretta Goggi (il suo ritorno è un bene per la tv italiana), Christian De Sica e Claudio Lippi.

Su RaiDue, nuova puntata di Virus-Il contagio delle idee, il talk di approfondimento condotto da Nicola Porro. Ospiti in studio, stasera, Emma Bonino (ministro degli Esteri), Mario Mauro (ministro della Difesa) e Attilio Befera (Agenzia delle Entrate). Gli ascolti languono, lo abbiamo già scritto, e la puntata della settimana scorsa non aveva raggiunto nemmeno il 4% di share.
Altro appuntamento poco premiato dall’Auditel, è quello del venerdì di RaiTre, con le serie americane Scandal e The Newsroom. Ma in questo caso c’è poco da analizzare. Non è un problema di qualità, ma evidentemente di identità di rete difficile da scalfire.

Su Rete4, torna Gianluigi Nuzzi con Quarto Grado, che stasera si occuperà (tanto per cambiare) dei casi di Roberta Ragusa e Yara Gambirasio. È una stagione zeppa di repliche quella che Canale5 sta offrendo ai propri spettatori. Stasera tocca alla miniserie Il Papa Buono, di Ricky Tognazzi con Bob Hoskins, dedicata alla vita di Giovanni XXIII. Su Italia1, il filmaccio natalizio canadese Zampa e la magia del Natale, il primo di una lunga e insostenibile serie che ammorberà le festività televisive.

Su La7, ultima puntata prima della lunga pausa per Crozza nel paese delle meraviglie, che quest’anno ha ottenuti risultati in continua crescita e enormemente al di sopra delle medie di rete.
Su RealTime, seconda puntata di Bake Off Italia, il nuovo show dedicato ai pasticceri con Benedetta Parodi. La prima puntata ha sorpreso tutti con un 1.200.000 spettatori e il 4,2% di share, un risultato clamoroso per un canale tematico.

Serata senza grande cinema, ma RaiMovie manda in onda il cult Point Break con Patrick Swayze e Keanu Reeves. Non certo un capolavoro, ma godibile e ben fatto.
Sul satellite, esordio attesissimo per la serie The Blacklist su FoxCrime, con un bravissimo ma irriconoscibile James Spader (il tempo passa per tutti, anche per lui), mentre su FoxLife tornano le disavventure kitsch dei nuovi ricchi di Londra con Arrivano i Russi!. Ma sul satellite, stasera, è davvero imperdibile Midnight Movies, bel documentario trasmesso da SkyArte che racconta l’epopea di alcuni film cult degli anni Settanta che hanno segnato la storia del cinema al di fuori dei circuiti mainstream di distribuzione. Da La notte dei morti viventi di Romero al Rocky Horror Picture Show, da El Topo a Eraserhead, passando per Pink Flamingos, 95 minuti di irriverente e geniale cinema fuori dagli schemi. Da non perdere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore