L’organizzazione sindacale USB Lavoro Privato ha proclamato per venerdì 6 dicembre uno sciopero nazionale del trasporto pubblico locale. L’agitazione sarà di 4 ore con modalità diverse città per città. Previsti disagi per chi si muove in metro, tram e bus.

Milano
Sciopero Atm in programma 8.45 alle 12.45. AGGIORNAMENTO: a Milano lo sciopero è stato revocato dall’USB.

Bologna
L’agitazione TPER è prevista dalle 10 alle 14. Durante lo sciopero, i servizi di trasporto pubblico urbano, suburbano ed extraurbano non saranno garantiti. Per i mezzi urbani, suburbani ed extraurbani del bacino di Bologna saranno garantite solamente le corse dal capolinea centrale verso periferia, e viceversa, con orario di partenza fino alle ore 9.45. Per le linee urbane di Imola verranno garantite tutte le corse complete in partenza dalla stazione ferroviaria o dall’autostazione, fino alle 9.50.

Genova
Sciopero Amt in programma dalle 9.35 alle 13.35 (compresa la Ferrovia Genova- Casella). Il servizio sarà garantito per le persone portatrici di handicap.

Napoli
Sciopero Anm dalle 9 alle 13.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sciopero trasporti Milano, il 15 novembre stop a mezzi pubblici e treni

prev
Articolo Successivo

Sciopero trasporti 16 dicembre: orari e modalità

next