Marco Travaglio commenta le parole della senatrice M5S Paola Taverna (“sono quelle che un’opposizione avrebbe usato in tutti gli Stati di fronte a Berlusconi”) e si chiede dove sia la svolta nel centrodestra, se anche esponenti del Nuovo Centrodestra sono convinti del fatto che la legge Severino non si dovesse applicare. E sottolinea: “Se la fine del centrodestra passasse dall’uscita degli esponenti di Ncd che dicono di essere d’accordo con Berlusconi sul concetto di giustizia e di persecuzione con il mantenimento del governo, dove sta la svolta? Qual è la novità? E’ come se per uscire dal fascismo ci fossimo affidati a Starace e Ciano”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Santanchè: “Berlusconi come Mazzini, Mandela e De Gaulle”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Formigoni vs Santanchè: “Berlusconi è venuto a chiedermi di entrare in lista nel Pdl”

next