L’intervento di Daniela Santanchè esordisce con una querelle con Michele santoro, accusato di aver imbastito una rete di balle e bugie sulla manifestazione dei militanti di Forza Italia pro Berlusconi. La parlamentare sostiene che in piazza ci fossero 20mila persone. Inevitabile la replica del conduttore: “Vabbé, finché siamo sulle balle diciamo 20.000”. La Santanchè affronta il tema della decadenza del cavaliere: “Berlusconi è il primo contribuente dello Stato ed è sceso in politica solo per amore del proprio Paese. Perché quando vedo Berlusconi nella cronaca giudiziaria e non nella storia d’Italia è una favola come dire che Berlusconi è un evasore fiscale perché è il primo contribuente con 10 miliardi di euro”. E menziona Mazzini, Mandela e De Gaulle che come Berlusconi sono finiti in galera, ribadendo lo stato di lutto in cui versa Forza Italia. E aggiunge: “Ieri la libertà ci è stata tolta, non c’è più”. Infine, l’attacco a Giorgio Napolitano: ” Avrei voluto un Presidente della Repubblica che doveva rappresentare i 10 milioni dei voti di Silvio Berlusconi senza perdere tempo dietro ai grillini. Invece Napolitano ha fatto pagare a noi tutti quattro badanti del governo Letta, i senatori a vita, che sono di sinistra. Quello fatto a Berlusconi è una vergogna politica e quando gli italiani capiranno chi c’era a capo del complotto, capirete tante cose”. Santoro, però, sottolinea la balla di Santanchè: “Ha detto che Berlusconi non è mai stato battuto nelle urne”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Berlusconi ai giovani di FI: “Questo è un colpo di stato”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Travaglio su scissione Pdl: “Qual è la novità del Nuovo Centrodestra?”

next