Guagliù questa settimana ospite di, Brain Food,  è l’attore, regista e scrittore, Ascanio Celestini. Durante la consueta chiacchierata durante un pranzo da Necci, lo storico ristorante del Pigneto (Roma), gli abbiamo chiesto: qual è il ruolo, se ha ancora un ruolo oggi, l’intellettuale?

Volevamo condividere con voi l’interessante riflessione di Ascanio: “L’intellettuale è una figura che forse non esiste più, storicamente infatti è collocato nel ‘700. Oggi con la narrazione mediatica, chiunque parli in un luogo pubblico riesce a diventare un personaggio, come tanti burattini. Per questo, oggi è molto pericoloso. Perché non riesci più a distinguere un Pasolini da uno Sgarbi, da una Ruby, una Sara Tommasi. Chiunque può diventare una figura di riferimento”.
 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Animali: non baciare il can che dorme, regole per non farsi mordere

prev
Articolo Successivo

Noir asiatici nel giorno delle primarie Pd

next