Doveva essere pronto entro fine settembre. Ma poi non se ne è saputo più nulla. E ora Roberto Maroni fa sapere che l’inno scritto da Giulio Rapetti, in arte Mogol, per la regione Lombardia non gli è piaciuto. “Me lo ha mandato, ma lo voglio più inno”, ha detto Maroni chiacchierando con i giornalisti. “Gliel’ho rimandato con alcuni suggerimenti”, confidando che Mogol capirà.

Insomma, il paroliere dei grandi successi di Lucio Battisti bocciato dal governatore leghista. Che, del resto, una certa competenza la vanta: “Anche io sono un musicista”, ha detto in riferimento al suo ruolo di tastierista nel gruppo ‘Distretto 51′. E la notizia del no all’inno di Mogol arriva proprio nel giorno in cui il consiglio regionale ha approvato l’istitutzione della festa della Lombardia il 29 maggio. In una nota successiva Isabella Votino, portavoce di Maroni, ha ridimensionato: “Parlare di bocciatura del testo è una forzatura”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pd, Civati: “2 euro primarie alla Sardegna”. Renzi: “No beneficenza, ma rispetto regole”

next
Articolo Successivo

Pd al giro di boa, Renzi vince lo ‘strano’ congresso

next