“La stampa italiana è in una posizione di debolezza. In nessuna altra parte del mondo qualcuno strapperebbe il microfono a un giornalista, perchè tutti sanno che nei mezzi di informazioni c’è il potere dell’opinione pubblica“. E’ l’opinione espressa da Frank La Rue, Relatore speciale dell’Onu per la promozione della libertà di espressione, durante una conferenza stampa organizzata a Roma, sulla telefonata fra Nichi Vendola e il responsabile delle pubbliche relazioni dell’Ilva, Girolamo Archinà. “Ho appreso la notizia dai giornali, non ho avuto contatti diretti – chiarisce La Rue – con i protagonisti della vicenda, ma il fatto evidenzia che i media italiani hanno ancora difficoltà a investigare”. Il Relatore speciale dell’Onu, al termine di una visita ufficiale di una settimana nella Capitale, illustra le sue raccomandazioni preliminari al Parlamento italiano in materia di libertà di espressione. Un primo documento che andrà ad integrare il report completo che il Consiglio dei Diritti Umani dell’Onu riceverà a giugno 2014. “La questione più importante è la deconcentrazione dei media – afferma La Rue – sono necessarie leggi antitrust per evitare monopoli“. L’attenzione del Relatore si focalizza sul ruolo dell’Agcom. “L’elezione dei membri di questo ente di controllo – sottolinea – deve essere più trasparente”. Il reato di diffamazione, punito in Italia ancora con la pena detentiva, occupa una parte importante della relazione. “Credo nella depenalizzazione e – conclude La Rue – esorto il Senato a rivedere l’importo del risarcimento civile, perchè una eccessiva sanzione economica può avere un effetto deterrente sui giornalisti”  di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

In edicola sul Fatto del 19 novembre: “Su Maps trovi anche i clan camorristici”

prev
Articolo Successivo

Programmi tv stasera, TeleFatto: Italia-Nigeria, Squadra Antimafia e Report

next