Lui è Fabio Riva, ex vicepresidente dell’Ilva. Latitante a Londra in attesa di estradizione, è accusato di associazione a delinquere finalizzata al disastro ambientale. E’ al telefono con il legale dell’azienda Francesco Perli, anche lui indagato, e stanno parlando delle “ambizioni politiche” del loro nemico numero uno: Giorgio Assennato, direttore dell’Arpa, che con la sua relazione tecnica sull’emergenza benzo(a)pirene a Taranto sta intralciando le attività del polo siderurgico. Nel frattempo a Roma è in discussione l’Autorizzazione integrata ambientale e i vertici del siderurgico premono sugli uomini del ministro Prestigiacomo per sveltire l’iter del dossier, scritto dalla stessa Ilva, come rivela l’avvocato Perli intercettato al telefono con Riva  di Lorenzo Galeazzi e Francesco Casula. Montaggio di Samuele Orini

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grillo: “Larghe intese? Presa per il culo, già decise prima delle elezioni”

prev
Articolo Successivo

Ilva, Nichi Vendola si deve dimettere?

next