“Ora mi occupo anche di sanità, vieni a trovarmi, ti faccio intervistare il fratello di Ligresti, può essere interessante”. E’ il 1987, a parlare è Anna Maria Cancellieri, al tempo viceprefetto a Milano e capo ufficio stampa della prefettura, mentre si rivolge a Federico Bianchessi, allora cronista del Giornale di Indro Montanelli. Bianchessi racconta quell’episodio a Sandro Ruotol e il suo incontro con Antonino Ligresti, il fratello Salvatore ed Annamaria Peluso (Cancellieri) sul tema delle aree d’oro negli anni ’80

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, il caso Cancellieri e le condizioni disumane di Regina Coeli

prev
Articolo Successivo

Gli scandali del Paese vivono di amnesie

next