Oltre 1250 copie in sala, gli oltre 45 milioni del precedente Che bella giornata sul groppone, ma l’ottimismo è il sale della vita, l’ansia da prestazione una pozzanghera, il Sole a catinelle. Checco Zalone è tornato, ancora per la regia dell’amico Gennaro Nunziante, la produzione Taodue, la distribuzione Medusa: forse, nessuno chiede a Luca Medici (il Checco all’anagrafe) di superarsi, ma 20, 30 o 40 milioni, quanto farà? Tanto, e il film lo merita: a differenza di tanti, altri “comici” nostrani, a Checco gli vuoi bene, gli auguri il meglio, ti fa tenerezza, anche quando – è questo il caso – interpreta “un uomo frutto di 20 anni di berlusconismo”. 

Venditore di aspirapolvere in crisi nera e pure separato, Checco deve realizzare la promessa fatta al figlio Nicolò, enfant prodige nonostante il padre: “Se sarai promosso con tutti dieci papà ti regala una vacanza da sogno”. Quei dieci arrivano, i soldi no, dunque Checco porta Nicolò (Robert Dancs, bravissimo) dai parenti in Molise, nella speranza di unire l’utile – vendere aspirapolvere ai parenti – al, si fa per dire, dilettevole. Fortunatamente, Checco si ritrova a casa di Zoe (Aurore Erguy), una ricca ragazza radical chic ma dal cuore buono che lo trasporta in un mondo di party, yacht, golf e cavalli… 

Più strutturato dei precedenti Cado dalle nubi e Che bella giornata, meno sketchato e velenoso (non ci sono più categorie sensibili, dai gay ai terroni & leghisti), Sole a catinelle nemmeno può contare sulle strepitose canzoni degli antecedenti, queste sono decisamente più banali, meno graffianti, ma il passo a due padre-figlio ai tempi della crisi offre uno sguardo acuto e amaro sul ventennio, intercettando fabbriche che chiudono, sogni a scomparsa e la felicità che, dice Checco a Nicolò, oggi trascolora Albano e Romina: è uno yacht più grosso, di quelli alla Roman Abramovic che ci parcheggi l’elicottero. 

In mezzo al film, qualcosa va per le lunghe, qualche scena (il dejeneur sur l’herbe vegano, e non solo) non va, ma Medici e Nunziante sanno dirci del nostro oggi, come poeti tamarri, cafoni situazionisti, flaneur in canotta e ciabatte a passeggio sulle nostre macerie: dal regista impegnato che inquadra l’anoressia e lascia “muto selettivo” il figlio, dai furbetti del quartierino con vista sulle Cayman e Confindustria, dai prestiti che non si negano a nessuno e nessuno onora, dallo spauracchio dell’essere comunista ancora oggi “Della Che Guevara che cosa avete?”, al negoziante), fino al vuoto pneumatico e stolido dell’ottimismo a ogni costo, che la crisi non c’è, i ristoranti sono pieni e i consumi non vanno mortificati. Rateizzami l’Italian Dream.

Ecco, tra le battute, le gengive sollevate e il capro espiatorio appiccicato addosso, Zalone trova tra le nubi la nostra truffaldina, sterile bella giornata: il sole è a catinelle, ma siamo bagnati fradici, senza saperlo. Nulla è serio, tutto è grave, flaianamente, e nemmeno l’eutanasia si salva: dopo i Bellocchio, gli Haneke e compagni mortifera, Zalone guarda al Molise, fruga tra i parenti e trova l’eutanazia, lasciando la spina nel dubbio tra il risparmio energetico e il consumo dell’esistenza. 

Certo si può fare meglio, ma Zalone è qui e ora la meglio cosa capitata di recente al nostro cinema da ridere: commedia dura e pura, financo all’italiana, con – vedi locandina – i padri sulle spalle dei figli, nani sui potenziali giganti a cui hanno già rubato il futuro. Zalone è Gulliver, l’Italia lillipuziana, il viaggio di papà e figlio non più Swift, ma uno swiffer sul nostro sporco. E la polvere stanca del nostro cosiddetto “cinema da ridere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Immigrazione e disperazione locale: ‘le cose che hanno lo stesso odore devono stare insieme’

next
Articolo Successivo

Cineasti in protesta: “Film commission per produzioni a Bologna? Come non ci fosse”

next