Due nuovi avvisi di garanzia per concorso in falso in bilancio aggravato. Sono le ultime novità nell’ambito dell’ inchiesta Fonsai. La guardia di finanza di Torino li ha notificati, su disposizione dei pm Vittorio Nessi e Marco Gianoglio, ad Ambrogio Virgilio, responsabile della revisione e socio di Reconta Ernst & Young, e a Riccardo Ottaviani, attuario revisore, due avvisi di garanzia per concorso in falso in bilancio aggravato.

Salgono così a venti, tra persone fisiche ed enti, i soggetti coinvolti nell’inchiesta che lo scorso luglio ha portato, tra gli altri, all’arresto di Salvatore Ligresti. Gli inquirenti ipotizzano che i revisori abbiano concorso alla falsificazione del bilancio del 2010, certificandone rispettivamente sia la correttezza delle poste sia la congruità delle riserve. Con l’aggravante di aver recato, a non meno di 12mila risparmiatori, un danno pari a 251 milioni di euro.

Sono stati notificati anche i provvedimenti di chiusura delle indagini nei confronti dei membri del collegio sindacale della compagnia assicurativa – il presidente Benito Giovanni Marino e i sindaci titolari Marco Spadacini e Antonino D’Ambrosio – colpiti da avviso di garanzia lo scorso 24 luglio per avere concorso al falso in bilancio aggravato e alla manipolazione del mercato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amnistia sì o no. Ma della carcerazione preventiva non parla nessuno

prev
Articolo Successivo

Cosa nostra a Messina, il figlio del boss Cattafi difensore del Centro Pio La Torre

next