L’ex assessore comunale e docente universitario Stefano Bonaga è stato condannato a cinque mesi dal giudice monocratico del tribunale di Bologna Laura Benini. La sentenza fa riferimento alla sera del 24 ottobre 2006, quando il filosofo venne fermato in motorino e senza casco dai vigili urbani in via Rizzoli, strada del centro: nell’occasione ci fu un parapiglia, a seguito del rifiuto di lasciare il mezzo per il sequestro, al termine del quale Bonaga venne buttato a terra, ammanettato e portato al comando, poi rilasciato e denunciato.

Con Bonaga (difeso dall’avv. Simone Sabattini) era imputato anche un suo amico jazzista, Bruno Briscik, condannato a quattro mesi e dieci giorni. Briscik era presente durante lo scontro e riprese la scena con un telefonino. Il musicista riferì che uno dei vigili aveva estratto una pistola puntandogliela all’altezza della testa. La condanna si riferisce ai reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, mentre Bonaga è stato assolto dall’accusa di minacce. E’ stata anche disposta una provvisionale a favore dei due vigili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Facchini Granarolo, vacilla l’accordo di luglio. Nuovo presidio davanti alla fabbrica

prev
Articolo Successivo

Legge stabilità, Delrio: “Da Napolitano suggerimenti saggi, ma manovra è seria”

next