Se per l’ex ministro Renato Brunetta, Wikipedia, l’enciclopedia gratuita on line, è “di sinistra” – in un articolo di qualche giorno fa comparso su il Foglio scriveva “Quando voglio sapere che cosa pensa la sinistra di qualche categoria culturale o di un evento o personaggio storico o contemporaneo, cerco su Wikipedia” – adesso nuove grane nei confronti della creatura di Jimbo Wales, arrivano dagli Stati Uniti: Wikipedia sarebbe accusata di esser “sessista”.

Il dato è emerso da una ricerca svolta nel 2011 dal New York Times, da cui è emerso che soltanto il 15 per cento degli autori delle pagine enciclopediche è composto da donne. Un fattore, questo, di fondamentale importanza in un mondo dove le discriminazioni di genere non sono ancora del tutto superate e perché “determina conseguentemente la scarsa conoscenza delle eccellenze femminili”, soprattutto nel campo della scienza, dove i maschi la fanno da padrone e le lacune sono parecchie.

Un esempio su tutti è quello di Vera Kistiakowsky, fisico nucleare che ha lavorato al Massachusetts Institute of Technology fin dalla metà degli anni Sessanta, virtualmente assente su Wikipedia. E pensare che sul sito del Mount Holyoke College Kistiakovsky rientra nel novero degli “scienziati eccezionali degli Usa del Ventesimo secolo. O quello di Ingeborg Homchair, che nel 2013 ha inventato un rivoluzionario impianto cocleare in grado di restituire l’udito a un gran numero di persone affette da sordità.

E così, per rimediare alle diverse lacune e donare la giusta visibilità alle grandi donne della scienza escluse dall’enciclopedia, la giornalista scientifica Maia Weinstock, direttrice di BrainPOP, con l’ausilio di un team di ricercatori e studenti hanno tentato l’impresa, quella di  “aggiungere a Wikipedia le biografie di molte scienziate eminenti, ingiustamente escluse dall’enciclopedia on line più letta al mondo, in una maratona non-stop di sei ore denominata Edit-a-Thon”, che era programmata per oggi 15 ottobre. Una data non casuale: in questo giorno, infatti, si celebra l’Ada Lovelace Day, in memoria della matematica inglese (1815-1852), figlia di lord Byron,  considerata la prima programmatrice informatica della storia e autrice del primo algoritmo pensato per essere elaborato da una macchina.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, doppia preferenza di genere già alle europee

next
Articolo Successivo

Lettera aperta a tutte le mamme-Hunziker

next