“Il governo eritreo ha deciso di prendere tutte le salme e di portarle in Eritrea”, ha detto l’ambasciatore dell’Eritrea in Italia Zemede Tekle Woldetatios in un’intervista a Tv 2000, “Il costo del trasporto sarà pagato dal governo eritreo. Noi abbiamo chiesto la collaborazione del governo italiano per materializzare la decisione dell’Eritrea”. Ma dal governo ancora nessuna risposta: “Stiamo ancora aspettando”. 

L’ambasciatore, ha detto di aver incontrato alcuni parenti delle vittime, ma non ancora i superstiti. “Noi abbiamo il dovere di essere vicino a loro. E’ un compito doveroso che stiamo svolgendo”, ha detto Zemede Tekle Woldetatios. E ha aggiunto che a lui “non risulta” che, come affermato dall’intervistatore, i parenti delle vittime e i sopravvissuti rifiuterebbero il contatto con l’ambasciata. Quanto ai rapporti col governo italiano, l’ambasciatore afferma che lui e i rappresentanti di altri paesi africani hanno “chiesto formalmente alla Farnesina di venire qui, questo è quello che posso dirle” e di avere “presentato la decisione del governo eritreo come nota verbale alla Farnesina”.

Nel frattempo la marina militare ha fatto sapere che è terminato il trasporto dei 385 cittadini stranieri morti nei naufragi del 3 ed 11 ottobre. I corpi verranno tumulati nei cimiteri siciliani, la maggior parte dei quali agrigentini, soprattutto per ragioni sanitarie. Così come è stato indicato dalla Prefettura di Agrigento. “La tumulazione non impedirà eventuali restituzioni dei corpi ai familiari che ne faranno richiesta, poichè la normativa vigente consente l’esumazione/estumazione cosiddetta straordinaria, cioè prima del termine ordinario decennale dall’inumazione al fine del trasporto delle salme in altre sepolture – spiegano dalla Prefettura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Letta militarizza il Mediterraneo. Ci guadagnano le commesse di guerra

next
Articolo Successivo

Santa Sede, finisce l’era di Tarcisio Bertone. Alla Segreteria di Stato arriva Pietro Parolin

next