Il tour di Nek, con partenza prevista a metà ottobre 2013, è stato annullato. Ne dà notizia il promoter Live Nation. La causa del forfait per il 41enne cantante di Sassuolo, è in un edema alle corde vocali per il quale l’artista dovrà seguire un periodo di riposo vocale di almeno 60 giorni.

Una fulmine a ciel sereno per Filippo Neviani, tornato alla ribalta nell’aprile 2013, dopo 4 anni di pausa, con l’album omonimo. Nome e cognome come titolo in bella mostra, disco della maturità con brani come Congiunzione astrale e Hey Dio che avevano già fatto il giro delle radio commerciali. Il tour di Nek avrebbe dovuto prendere le mosse il 16 ottobre prossimo al Paraolimpico di Torino per poi toccare, nel giro di 15 giorni, altre sette date italiane (tra cui Bologna il 18 e Rimini il 25).

L’album, uscito contemporaneamente in Italia, Svizzera, Austria, Germania, Polonia, Slovenia e Turchia, è stato pubblicato in versione spagnola ed è uscito nel paese iberico e in America Latina l’11 giugno. Per questo alle date italiane avrebbero dovuto presto fare seguito, grazie alla casa di produzione Warner, altri live in giro per l’Europa.

In attesa di avere notizie più precise sulla possibilità di poter riprogrammare i concerti, Live Nation informa che i biglietti per tutte le date saranno rimborsabili entro il 30 novembre, presso i punti vendita di acquisto. Per i rimborsi dei biglietti acquistati online tramite il circuito TicketOne www.ticketone.it, i clienti verranno contattati e informati della procedura per la richiesta di rimborso; per informazioni: [email protected]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dario Fo: “Il voto di fiducia di Berlusconi a Letta? E’ stato una pagliacciata gigantesca”

prev
Articolo Successivo

Bologna, 600 studenti in piazza. “La crisi non la paghiamo. I politici? Tutti uguali”

next