Pochi titoli hanno cercato di competere con la saga di Super Mario e ancor meno sono riusciti ad avvicinarsi alla creatura di Miyamoto in termini di giocabilità e perfezione estetica. Ubisoft, a margine delle megaproduzioni come Assassin’s Creed o Watch_Dogs, negli ultimi anni ha deciso di rilanciare una delle sue mascotte storiche, Rayman, creato nel 1995 da Michel Ancel e già protagonista di tre titoli “ufficiali” e svariati spin off. Nel 2011, con Rayman Origins, Ancel e il suo team di Ubisoft Montpellier hanno riscoperto il gusto per i giochi di piattaforme vecchio stile e, oggi, con Rayman Legends, i ragazzi francesi sono riusciti nell’impresa, ovvero superare Mario sul suo stesso terreno.

Rayman Legends, interamente sviluppato con un motore tecnico proprietario di nome UbiArt, è interamente disegnato a mano e mescola sapientemente la grafica tradizionale con le tre dimensioni. L’effetto finale è simile a quello che si ottiene nei film d’animazione dove i personaggi, rigorosamente bidimensionali, si muovono su scenari dotati di profondità e prospettiva. Se dal punto di vista estetico il lavoro di Ancel è da premio (e non a caso Ubisoft ha ricevuto un finanziamento dal governo francese per lo sviluppo dei suoi software dedicati alla programmazione), anche guardando alla giocabilità pura Rayman Legends non tradisce le aspettative. Il titolo, infatti, è difficile quasi quanto i grandi classici degli anni ‘80 e non ha paura nel proporre ai giocatori un livello di sfida piuttosto elevato, soprattutto per chi desidera scoprire tutti i segreti nascosti nei vari schemi o ottenere i punteggi più alti.

In un mercato dominato da sparatutto e giochi sportivi, Rayman Legends rappresenta un’operazione decisamente coraggiosa che tenta di riproporre una tipologia di gioco ormai lontana dai gusti più comuni, capace di riscoprire un gusto per la competizione spesso difficile da trovare nei titoli più moderni. Fra un salto e l’altro, Rayman Legends ci riporta alla mente tempi diversi, in cui a trame pretenziose e personaggi nerboruti, i giocatori preferivano la bellezza di salti perfetti e mondi forse un po’ infantili ma decisamente più magici.

Rayman Legends è disponibile per Wii U, Playstation 3 e Xbox 360. Nei prossimi mesi arriverà anche su PSVita.

A cura di Nicolò Carboni

BadGames.it – il Nuovo Gusto dei Videogiochi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banda larga in Italia, il Sud “viaggia” meglio del Nord. Toscana la più veloce

next
Articolo Successivo

GTA 5, evento videoludico dell’anno colmo di satira sociale

next